Friulweb

L.A. 104 Maneggio - Aonedis FVG Sport Magazine L.A. 104 Maneggio - Aonedis

Cividale: come parlare ai nativi digitali

settembre 30th, 2017  |  Published in Società

Paolo Crepet (Torino, 17 settembre 1951) è uno psichiatra, scrittore e sociologo italiano, ospite frequente di varie trasmissioni televisive. Torino, 14 maggio 2015. © Leonardo Cendamo

Paolo Crepet a Cividale del Friuli in un doppio appuntamento e in una duplice veste: il noto psichiatra e sociologo condurrà gli studenti delle scuole superiori in una riflessione sui rischi di un’umanità sempre più “connessa”, mentre colloquierà con le famiglie sui temi del bullismo e dell’adolescenza. Il duplice incontro, si terrà il 20 ottobre, presso il Teatro Comunale Adelaide Ristori. L’iniziativa è organizzata dagli assessorati alla Cultura e alle Politiche Sociali del Comune di Cividale (di mattina riservata alle scuole, alle ore 20.30 aperta a tutti).

L’incontro serale, destinato “soprattutto ai genitori, sarà incentrato su come affrontare le problematiche dell’età adolescenziale in famiglia – spiega l’assessore Catia Brinis – prendendo spunto dall’ultimo libro pubblicato da Crepet “.

Nella recentissima pubblicazione Crepet presenta, infatti, una forma di coraggio diversa dal passato: quella che i giovani devono riscoprire per non ritrovarsi tristi e rassegnati a non credere più nei loro sogni; quella che i genitori devono scovare per re-inventare un rapporto con i figli.

Con i ragazzi e gli insegnanti delle scuole superiori cittadine, invece, “gli argomenti del ciberbullismo, dell’era Social, dei nativi digitali – continua l’assessore Angela Zappulla – saranno proposti al fine di stimolare una riflessione sui rischi di un’umanità sempre più “connessa”.

Lo psichiatra ha affrontato, infatti, tali problematiche nel saggio Baciami senza rete, edito da Mondadori, mettendo in luce il potere seduttivo di Internet che rappresenta un modo rapido e nuovo per veicolare notizie e contenuti, ma che dimentica affetti, amicizia ed esperienze, tutt’altra cosa. Lo psichiatra sottolinea come ormai non si scrive più, non si legge abbastanza, non si parla; conversazione e dialoghi sono sempre più ridotti. Crepet, dal 2004 direttore scientifico della “Scuola per genitori”, invita insegnanti ed educatori a risvegliare lo spirito critico dei ragazzi «in una sfida all’arrancare quotidiano di milioni di formiche, tra casa e ufficio, tra palestra e centri commerciali, obbligate a connettersi e a essere connesse senza requie, senza pensiero, senza dubbio».

Un’occasione preziosa, quindi, questi due incontri del 20 ottobre, per tutti coloro che intendono ampliare le loro conoscenze su un argomento delicato che riguarda tutti noi: l’educazione dei nostri figli.

Tag:, , , ,

Rispondi

Cerca

Seguici su

Articoli recenti


Seguici su

Facebooktwitterrssinstagram

Meta

Archivio Articoli

Utilità e rubriche

Segui la nostra pagina

Tag


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: