Friulweb

L.A. 104 Maneggio - Aonedis FVG Sport Magazine L.A. 104 Maneggio - Aonedis

Simone Graziano: “Jazz & Wine of Peace”

ottobre 25th, 2017  |  Published in Eventi

©_ANGELO_TRANI

Venerdì 27 ottobre alle 15.30 al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, Simone Graziano in concerto con “Frontal”, accompagnato da una formazione d’eccezione composta dal sassofonista americano naturalizzato italiano Dan Kinzelman, il contrabbassista Gabriele Evangelista e il batterista Stefano Tamborrino. Il concerto rientra nell’ambito della rassegna “Jazz & Wine of Peace”, organizzata dal Circolo Controtempo e giunta alla sua ventesima edizione, che propone un fitto programma con ospiti di fama internazionale tra cui William Parker & Hamid Drake, Steve Coleman ed Enrico Rava.

Il progetto “Frontal” si caratterizza per chiarezza di idee, riferimenti contemporanei, scrittura elegante e sofisticata: elementi che hanno segnato l’ascesa e l’affermazione del leader pianista come uno dei migliori musicisti jazz della sua generazione. Un nome, quello di “Frontal”, quasi onomatopeico: il titolo è venuto pensando a un’esplosione di suono, a un impatto frontale – afferma Simone Graziano. È un modo di intendere la musica aggressivo e sempre diretto, ma che, per fortuna, non preclude i momenti di lirismo; è un pensiero condiviso, inoltre, dai membri di questa che è diventata, a tutti gli effetti, una family.

Docente presso Siena Jazz, direttore artistico del Musicus Concetus, nonché vicepresidente del MIDJ, con quattro album da band leader all’attivo, di cui due con la formazione “Frontal” (l’omonimo del 2013 e “Trentacinque” del 2015, entrambi editi da Auand Records e con ospite il sassofonista newyorkese David Binney, spesso in tour con Graziano), il pianista fiorentino Simone Graziano presenta in quartetto un progetto che, con un tour in continuo aggiornamento da sette anni, è riuscito a creare uno spazio sonoro proprio e originale, diventando una realtà musicale unica e apprezzata in Europa.

È circolare e concentrico il suono di Simone Graziano, un modo di pensare la musica caratterizzato solo da immagini e suggestioni, caos e silenzio. Il nucleo creativo di “Frontal” nasce dall’improvvisazione, si cristallizza nella scrittura, per poi semplificarsi nella canzone, suggerendo idealmente una forma che è data dall’insieme di tre elementi: improvvisazione, composizione e song. Tutte le composizioni, inoltre, mirano a valorizzare il virtuosismo dei singoli esecutori in una musica che non lascia mai da parte la melodicità dei temi e la ricchezza armonica, frutto dello studio dei più grandi maestri della tradizione classica e jazzistica. Tutto ciò contribuisce a determinare un suono d’insieme unico e moderno.

Evidente è l’affiatamento di “Frontal” che già molto ha fatto parlare di sé, sia nei live che nei precedente album, distinguendosi per la spontaneità con cui riesce a passare da un linguaggio all’altro, grazie anche al consolidamento delle relazioni professionali e umane dei membri del gruppo, capaci di mantenere inalterata la propria identità e, al contempo, di introdurre ogni volta elementi inaspettati.

Simone Graziano ha recentemente pubblicato, sempre per Auand, il suo quarto album dal titolo “Snailspace”, che presenterà in tour con Francesco Ponticelli al contrabbasso e synth, e Tommy Crane alla batteria, a partire da Febbraio 2018.

Simone Graziano nasce a Firenze, dove si diploma col massimo dei voti in pianoforte classico presso il Conservatorio Luigi Cherubini. Contemporaneamente alla musica classica, approfondisce lo studio del linguaggio jazz frequentando la Berklee School of Music di Boston e conseguendo la laurea specialistica in composizione e arrangiamento jazz. Nel 2009 registra il suo primo disco “Lightwalls” (Dodicilune) con Ares Tavolazzi e Stefano Tamborrino, cui seguono “Frontal” (2013), “Trentacinque” (2015) e “Snailspace”, uscito a settembre 2017.

Rispondi

Cerca

Seguici su

Articoli recenti


Seguici su

Facebooktwitterrssinstagram

Meta

Archivio Articoli

Utilità e rubriche

Segui la nostra pagina

Tag


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: